sabato 13 ottobre 2012

I Cornetti!

Qual è il miglior modo per iniziare una giornata se non addentare un caldo e fragrante cornetto?

 
cornetti del bar
Si si... avete visto bene!! Questi cornetti sono proprio come quelli che si possono comprare al bar, anzi sono ancora meglio!
La ricetta è nata assemblando informazioni tratte dal web ed il risultato è a dir poco spettacolare!
Si lo dobbiamo ammettere, il procedimento è abbastanza laborioso, forse più che altro richiede tempo e pazienza, ma il gusto unico di questi cornetti saprà certamente ripagarvi di tutti gli sforzi!
Ingredienti
Per il lievitino:
100 g di farina Manitoba
(noi abbiamo utilizzato quella gentilmente offerta dal Molino Chiavazza)
15 g di lievito di birra
50 g di latte tiepido
un cucchiaino di zucchero
Per l'impasto:
Il lievitino
400 g di farina Manitoba
100 g di zucchero
1 bacca di vaniglia
la buccia grattugiata di un limone
2 uova
60 g di latte
50 g di burro
un cucchiaino di sale
Per la sfogliatura:
200 g di burro
50 g di farina Manitoba
Per decorare:
un uovo sbattuto
zucchero a velo a piacere.
Procedimento
Per prima cosa bisogna fare il lievitino quindi prendete 50 g di latte tiepido (mi raccomando tiepido e non bollente altrimenti il lievito non si attiverà e dovrete buttare tutto l'impasto!), sbriciolateci all'interno il lievito ed aggiungete un cucchiaino di zucchero: mescolate.
Aspettate qualche minuto, sulla superficie dovrà comparire qualche bollicina.
A questo punto aggiungete la miscela ai 100g di farina ed impastate.
Lasciate riposare il vostro lievitino fino al raddoppio (il nostro ha impiegato circa 30 min).
 Passato il tempo necessario aprite la bacca di vaniglia e mettete i semini nel latte che andrete a riscaldare.
Mettete in una ciotola il latte tiepido e vanigliato, uova, burro, la buccia del limone ed azionate le fruste dello sbattitore.
Aggiungete il lievitino di prima fatto a pezzi e la farina ed impastate con le mani.
Aggiungete all'impasto il sale ed impastate fino ad ottenere un composto liscio e privo di grumi.
Lasciate riposare l'impasto 3 ore.
Nel frattempo prendete i 200 g di burro ed aiutandovi con le mani mescolateli ai 50 g di farina.
Stendete il burro fra 2 fogli di carta forno formando un rettangolo dall'altezza di circa 1,5 cm.
Mettete il burro (sempre tra i 2 fogli di carta forno) in frigo.
Ecco la fase più difficile da comprendere:la sfogliatura!
Passate le 3 ore prendete l'impasto (che sarà di molto lievitato).
Stendetelo su un lungo foglio di carta da forno aiutandovi con un matterello.
Prendete il panetto di burro dal frigo e sistematelo al centro dell'impasto steso.
Portate il margine di destra e quello di sinistra dell'impasto verso il centro, in modo da coprire il panetto di burro.
Continuate a fare pieghe:
prendete il margine di sopra e portatelo verso il centro,
prendete il margine di sotto e portatelo verso il centro.
Girate il composto di 90° e stendetelo col matterello solo dall'alto verso il basso (e mai da dx a sx)- si dovrà solo allungare e mai allargare.
Continuate a fare pieghe:
prendete il margine di sopra e portatelo verso il centro,
prendete il margine di sotto e portatelo verso il centro.
Girate il composto di 90°, memorizzate questa posizione perchè dopo dovrete  cacciarlo dal frigo, rimetterlo in questa posizione e ristenderlo in lunghezza e non in larghezza.
Avvolgetelo con la carta forno e mettetelo in un contenitore chiuso dentro al frigo per 30 min.
Riprendete l'impasto e mettetelo nella posizione di prima, cioè in modo da avere i giri delle pieghe verso di voi.
Ristendetelo per la lunghezza.
Continuate a fare pieghe:
prendete il margine di sopra e portatelo verso il centro,
prendete il margine di sotto e portatelo verso il centro.
Girate il composto di 90°, ri-memorizzate questa posizione perchè dopo dovrete ri-cacciarlo dal frigo, rimetterlo in questa posizione e ristenderlo  ancora una volta in lunghezza e non in larghezza
Rimettetelo in frigo per 20 min.
Stendete per l'ultima volta l'impasto e ritagliate dei triangolini lunghi circa 10 cm per lato. Rotolateli dalla base del triangolo verso la punta per dargli la forma dei cornetti.
(A questo punto volendo potreste  spennerlarli con l'uovo e congelarli per poi usarli a piacimento).
Metteteli sulla carta forno ben distanziati e lasciateli lievitare almeno 1 ora: più tempo lievitano più saranno morbidi.
Prima di infornarli spennellateli con l'uovo sbattuto.
Finalmente sono pronti per essere infornati!
Solo altri 20 minuti in forno e saranno vostri!
Usate il forno statico, preriscaldato e alla temperatura di 180°.
Se volete congelare i cornetti dovrete poi scongelarli la sera prima per poterli cuocere e  consumare il giorno dopo!
Buona Colazione a tutti!

Ringraziamo ancora Il Molino Chiavazza per la collaborazione



venerdì 12 ottobre 2012

Purple Tart


Quando possiamo ci piace produrre da soli gli ingredienti da inserire nelle nostre ricette. Siamo davvero molto fortunati ad avere il privilegio di poter coltivare il nostro piccolo orto e frutteto potendo così seguire i nostri prodotti dal delicato momento della semina fino ai fornelli.
Melenzane, zucche, fragole, spezie, nocciole, agrumi, uva, pomodori...tutto rigorosamente biologico ottenuto senza l'uso di prodotti chimici.
E' una doppia soddisfazione poter offrire dei cibi non solo ben cucinati ma anche di cui conosciamo origine e qualità. 

Uno dei modi migliori per utilizzare la nostra confettura biologica di uva fragola, mela e cannella?
Eccolo!



Queste piccole crostate sono fatte con la nostra pasta frolla alternativa: una ricetta testata che non sarà cambiata per nulla al mondo.
Non ha nulla da invidiare alla pasta frolla delle migliori pasticcerie: è un impasto davvero friabile, che si scioglie in bocca e non indurisce dopo la cottura.
L'involucro inoltre racchiude la nostra confettura di Uva Fragola, Mela e Cannella,
che da un gusto intenso e speziato a questo piccolo pasticcino, la cui superficie è ricoperta da una glassa che gli conferisce un candido aspetto.

Sono assolutamente da provare, no?
Fidatevi, non ne sarete delusi!


Ingredienti
(per circa 7-8 crostatine)
 
Per la Frolla:

400 g di farina 00
1 uovo
2 tuorli
110 g di zucchero semolato
60 g di olio di semi di girasole
60 g di burro
1 bustina di vanillina

Per la Farcia:

250 g della nostra confettura di Uva Fragola, Mela e Cannella

Per la Decorazione:

1 albume
100 g di zucchero a velo


Utensili

uno sbattitore elettrico
stampi per crostatine


Procedimento

Inserite in un recipiente le 2 uova intere, i 2 tuorli e lo zucchero e mescolateli con lo sbattitore elettrico fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Unite il burro e continuate a mescolare.
Unite la metà della farina, la vanillina ed il lievito setacciati.
Mescolate ed aggiungete l'olio a filo.
Unite la restante farina ed impastate con le mani.
Formate una palla con l'impasto, avvolgetela e mettetela in frigo per almeno mezzora.

Prendete l'impasto e riempite dei piccoli stampi da crostatine dal diametro di circa 9 cm (non c'è bisogno di imburrare nè di infarinare).
Versateci sopra un cucchiaio di marmellata e con la restante parte della frolla modellate delle piccole striscioline rotolando l'impasto sul piano di lavoro per decorare la superficie.

Preparate la glassa montando a neve l'albume unito in seguito allo zucchero a velo.
Cospargete la frolla in superficie con la glassa per donargli un candido effetto.

Infornate per 20 min a 180° C in forno statico e preriscaldato.





Con questa ricetta partecipiamo al contest sulle monoporzioni dei blog 
"Limone&Stracciatella" e "Perle ai Porchy":


Con questa ricetta partecipiamo al contest del blog "L'Emporio 21" 





promosso dall'azienda:



giovedì 11 ottobre 2012

Cinnamon Grapes: Marmellata di Mele, Uva Fragola e Cannella


Sulle nostre vigne sono maturati dolcissimi grappoli di Uva Fragola e allora
ci siamo detti: perchè non rifare la nostra già testata confettura speciale?

In questa marmellata il profumo dell'Uva Fragola si miscela con le intense note speziate
 della cannella.

confettura marmellata uva fragola mele cannella



Ingredienti
(per circa 5 vasetti piccoli)
3,5 kg netti di chicchi di Uva Fragola
1,2 kg di zucchero (il peso è orientativo, vedi procedimento)
2-3 bicchieri di vino bianco moscato
1 mela
1 bustina di fruttapec 2:1
2 cucchiaini di cannella in polvere

Utensili
un Passaverdure
un colapasta
una pentola capiente dai bordi non troppo alti.

Procedimento
Lavate i chicchi di Uva Fragola e metteteli ad asciugare in un colapasta.
Quando saranno ben asciutti inseriteli in una pentola con il vino bianco moscato e lasciateli sul fuoco finchè non inizieranno a disfarsi.
Prendete un passaverdure dal filtro medio (in modo da non lasciar passare i semini dell'uva ma solo la polpa) e poco alla volta passate l'uva.
Pesate il composto (la cui consistenza sarà abbastanza liquida) che avrete ottenuto perchè vi servirà una quantità di zucchero pari alla metà del peso del composto.
Riversate il composto liquido di nuovo nella pentola, aggiungete la mela tagliata a tocchetti piccolissimi e lo zucchero nella quantità che avrete prima calcolato.
Mescolate il composto e portato ad ebollizione versate il fruttapec.
Mescolate finchè la marmellata non inizia ad assumere la consistenza che più vi piace (potrebbe volerci molto tempo, noi abbiamo impiegato mezz'ora ma tenete conto che una volta raffreddata si rassoderà ulteriormente).
Poco prima di ultimare la cottura unite la cannella.
Versate la marmellata ancora calda nei vasetti di vetro sterilizzati, chiudeteli col tappo, capovolgeteli e lasciateli raffreddare.

Una volta raffreddata, assaggiatela! Ha un profumo davvero inebriante!


mercoledì 10 ottobre 2012

Dalla tradizione napoletana: i Biscotti all'Amarena


Non avete mai visto questi dolcetti?
Beh allora non siete mai entrati in una Caffetteria o Pasticceria napoletana...
infatti questo gustoso biscottino è quasi sempre presente accanto ad un cappuccino spumoso o ad un profumato caffè per aprire la giornata o semplicemente per addolcire una breve pausa di lavoro.

Nato per valorizzare gli "scarti" delle altre lavorazioni pasticcere, sono diventati così apprezzati dal pubblico partenopeo che ad oggi è rarissimo trovare qualche bar o pasticceria che ne sia sprovvisto! 

Ecco a voi la ricetta e la tecnica di preparazione illustrata! =)


biscotti all'amarena pan di spagna frolla napoletani strega procedimento


Ingredienti

Per la Frolla:

400 g di farina 00
1 uovo
2 tuorli
110 g di zucchero semolato
60 g di olio di semi di girasole
60 g di burro
1 bustina di vanillina

Per la Farcia:

300 g di pan di spagna (o qualsiasi altro tipo di dolce avanzato...savoiardi,brioscine etc.)
250 g di marmellata di amarene
3 cucchiai di cacao amaro
3 cucchiai di liquore Strega di Benevento

Per la Decorazione:

1 albume
100 g di zucchero a velo
2 cucchiai di marmellata di amarene

Procedimento

La Frolla
Inserite in un recipiente l' uovo intero, i 2 tuorli e lo zucchero e mescolateli con lo sbattitore elettrico fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Unite il burro e continuate a mescolare.
Unite la metà della farina e la vanillina setacciati.
Mescolate ed aggiungete l'olio a filo.
Unite la restante farina ed impastate con le mani.
Formate una palla con l'impasto, avvolgetela e mettetela in frigo per almeno mezzora.

La Farcia
Utilizzando un robot da cucina unite tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto sodo ed omogeneo.

Tecnica di realizzazione
Stendete la frolla con un matterello su un foglio di carta forno e ricavatene un rettangolo alto circa 8 mm.
Prendete la farcia ed aiutandovi con le mani ponetela al centro del rettangolo come in foto.

biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento

Servendovi  della carta da forno ripiegate i due lembi esterni verso il centro.
biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento

biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento


Avvolto interamente il composto capovolgetelo in modo da avere al di sopra la parte priva di giuntura.

biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento

A questo punto preparate la glassa montando a neve gli albumi mescolati con lo zucchero a velo e stendetene uno strato sul rotolo di pasta frolla.

biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento


Solcate leggermente col dorso di un coltello il rotolo in tutta la sua lunghezza in modo da creare dei solchi dove inserirete la marmellata restante che avrete riscaldato precedentemente in un pentolino.





Tagliate i vostri biscottini della dimensione desiderata (noi abbiamo tagliato circa ogni 4 cm).

biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento


Mettete i vostri Biscotti all'amarena sulla carta forno ben distanziati e infornateli per 20 min a 180° in forno statico e preriscaldato.
biscotti all'amarena napoletani con strega procedimento


Appena sfornati lasciateli raffreddare per almeno un oretta!

Ricetta Vincitrice al Contest del Molino Chiavazza:

giovedì 4 ottobre 2012

Tempo di Vendemmia

Non potevamo resistere...dopo tanto sacrificio e cura si raccolgono i frutti delle vigne. Vino biologico per accompagnare i nostri manicaretti!



martedì 2 ottobre 2012

Dolci Auguri!



merendine natale nocciole marmellata fragole dolcini

No! Non è assolutamente come pensate: non stiamo impazzendo!
O almeno non stiamo diventando più pazzi di quanto già non siamo!
Ci sono degli ottimi motivi per festeggiare il Natale in anticipo
ed uno di questi è
la partecipazione al contest di Rigoni di Asiago:


Per questo Contest volevamo creare qualcosa di così buono da farlo diventare
il Nostro dolce di Natale,
uno di quelli che, come insegna la tradizione, si ripropongono ogni anno
e non stancano mai.
E così, dopo aver creato diversi dolcetti
sono stati scelti quelli che più rappresentavano la nostra idea del Natale.
Sono dei teneri dolcetti in cui il gusto dolce della marmellata di fragole e fragoline di bosco si sposa magnificamente con quello più intenso e deciso della Nocciolata di Rigoni di Asiago.

Sono nati i nostri "Dolci Auguri",
un modo dolce e simpatico per augurare ai nostri amici un sereno Natale.
(E - detto fra noi - molto probabilmente saranno riprodotti ogni mese più che ogni anno tanto che sono buoni!)


Ingredienti

Per la pasta biscotto
6 tuorli e 4 albumi
160 g di farina
160 g di zucchero + 4 cucchiai
estratto di vaniglia o 4 bustine di vanillina
3 cucchiai di Miele di Acacia - Rigoni di Asiago

Per il ripieno
300 g di Nocciolata- Rigoni di Asiago
Granella di nocciola
200 ml di panna per dolci

Per la bagna
Un bicchiere di acqua
un cucchiaio di zucchero
un bicchierino di liquore Strega di Benevento

Per la Glassa
4 cucchiai di Marmellata di Fragole e Fragoline di bosco- Rigoni di Asiago
2 fogli di gelatina

Per la decorazione
100 g di Cioccolato bianco

Utensili
Sbattitore con Fruste
Teglia da forno
Carta da forno
Pellicola trasparente

Procedimento
Prendete una ciotola alta, versate al suo interno i 4 albumi e montateli a neve ben ferma.
In un altra ciotola inserite i tuorli e lo zucchero e sbattete il composto con le fruste finchè non assume una consistenza spumosa ed un colore chiaro.
Aggiungete quindi il Miele di Acacia di Rigoni di Asiago e mescolate.
Prendete una spatola e, mescolando il composto, unitevi la farina un cucchiaio alla volta.
Infine aggiungete l'aroma di vaniglia e gli albumi mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Accendete il forno a 200°C.
Prendete la carta da forno e formate 3 fogli della misura della vostra teglia.
Spalmate su ciascun foglio 1/3 del composto formando un rettangolo dell'altezza di 1 cm.
Infornate per 10 min uno alla volta gli impasti in forno statico.

Ogni volta che sfornate un rettangolo di pasta biscotto cospargetelo con un pò di zucchero, stendetevi al di sopra la pellicola trasparente, capovolgetelo e sfilate lentamente la carta forno. Avvolgetelo quindi per intero nella pellicola trasparente (questo aiuterà a mantenere la base soffice trattenendo l'umidità al suo interno).

A questo punto prendete il primo rettangolo, spalmateci sopra 250 g di Nocciolata di Rigoni di asiago e la granella di nocciola.
Metteteci sopra il secondo rettangolo che inumidirete con la bagna (acqua, zucchero e liquore).
Spalmate sopra quest'ultimo la crema composta dalla panna montata amalgamata ai 50 g di Nocciolata di Rigoni di Asiago.
Stendete quindi l'ultimo rettangolo che bagnerete come il secondo.

Preparate la glassa riscaldando in un pentolino la marmellata di fragole e fragoline di bosco di Rigoni di Asiago e 2 fogli di gelatina lasciati precendentemente in acqua fredda per 10 min.

Stendete la glassa sull'ultimo strato, decorate a piacere con il cioccolato bianco fuso, e tagliate con un coltello i singoli dolcetti.

I nostri dolcetti di Natale si conservano in frigo e si lasciano per una decina di minuti a temperatura ambiente prima di esse serviti!